APE(ANSA) - MATERA, 14 OTT - Nel Def "ci vogliono più soldi per le pensioni, soprattutto per quelle dei giovani e delle donne che sono in una condizione di disuguaglianza e ci vogliono più soldi per l'Ape sociale che deve essere in grado di raggiungere tutte le esigenze". Lo ha detto a Matera il segretario nazionale della Uil, Carmelo Barbagallo, aggiungendo che "occorre bloccare il meccanismo di automatismo all'aspettativa di vita perché, congiungendosi alla legge Fornero, è un disastro sociale". I sindacati "chiedono al Governo di chiudere la seconda fase - ha spiegato - e di aprirne una terza sulla discussione per la previdenza per dare dignità alle pensioni dei giovani e dare perequazione alle pensioni delle donne". Ma per Barbagallo servono anche "più risorse per gli ammortizzatori sociali: dobbiamo fare in modo che il Paese si riprenda con un'economia che - ha concluso il segretario della Uil - non sia basata su decreti ma su investimenti pubblici e privati".

 

Pensioni: Barbagallo, più soldi per Ape

Sono oltre 66.000 le persone che hanno fatto domanda per ottenere l’Ape sociale o l’accesso alla pensione in caso di lavoro precoce con oltre 41 anni di contributi: a breve sapranno se rientrano nella prima tranche di uscita.

La graduatoria dovrebbe essere pronta entro il 15 ottobre ma probabilmente sarà pubblicata la prossima settimana.